Dove mangiare a Bologna: ristorante Diana, un viaggio indietro nel tempo
Andarmangiando Cibo, viaggi, racconti
17024
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-17024,ajax_updown,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,columns-4,qode-theme-ver-8.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Diana
Bologna

DIANA

via Indipendenza, 24 – Bologna

051231302

www.ristorante-diana.it

Un viaggio indietro nel tempo: i camerieri in giacca bianca, gli specchi alle pareti, piatti e bicchieri personalizzati. Questo è il ristorante Diana di Bologna.

Ci sono passata davanti milioni di volte negli anni dell’università, l’ho spiato dalle vetrate… oggi, finalmente lo abbiamo provato, di venerdì sera, dopo essere stati alla bellissima mostra su David Bowie al Mambo.

Arriviamo alle 21, la sala piena, molti stranieri.

L’atmosfera è decadente e affascinante.

Sfogliamo il menu: abbiamo occhi solo per la cucina bolognese.

Cominciamo con una spuma di mortadella, accompagnata da pancarrè tostato 🙂 – e mortadella Alcisa a cubetti con parmigiano reggiano. Da bere lambrusco.

Proseguiamo con tortellini in brodo e tagliatelle alla bolognese, con tanta, tanta ‘forma’ (del resto la formaggiera è un piatto fondo!).

E poi ancora fritto misto all’italiana – con olive ascolane, costoletta di agnello, zucchine, frittella di mele e cremini -; carrello dei bolliti – un autentico spettacolo – con mostarda e salsa verde; e cotoletta alla bolognese accompagnata da purè e piselli al prosciutto.

Per finire: gelato alla crema con cioccolato caldo e torta di riso.

Una goduria!

Provato il 4/11/2016

Coperti 4

€ 206,00




Categoria
:), 2016, Bologna, Francesca, Recensioni, Ristoranti
Tag
Bologna, Diana Bologna, Ristorante Diana
Nessun commento

Scrivi un commento