Dove mangiare a Torriana: Osteria del Povero Diavolo
Andarmangiando Cibo, viaggi, racconti
16815
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-16815,ajax_updown,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,columns-4,qode-theme-ver-8.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Osteria del Povero diavolo
Torriana

OSTERIA DEL POVERO DIAVOLO

via Roma, 30 – Torriana

0541675060

www.ristorantepoverodiavolo.com

Il 1 settembre l’Osteria del Povero diavolo chiuderà per ferie. Alla sua riapertura, un mese dopo, PierGiorgio Parini non sarà più al suo posto dietro ai fornelli: per questo giovane chef e per Stefania e Fausto, patron dell’Osteria, comincerà una nuova avventura. Questa è quindi la cronaca di un addio.

Ci tenevo molto a tornare a mangiare qui dopo qualche anno e sono assolutamente soddisfatta della mia cena.

Scegliamo di assaggiare il menu intermedio, quello che comprende sei portate a scelta dello chef.

Partiamo con un benvenuto della cucina a base di lattuga e zucchine, molto fresco e con una piacevole punta acidula.

Cominciamo il percorso con un piatto a base di sgombro con cetriolo, menta e cipolla – profumatissimo e invitante – che mi mette addosso la curiosità di scoprire gli altri piatti del menu.

Proseguiamo con un calamaro con fagioli e cipolla, buono, ma che non ha la capacità di entrarmi nel cuore, forse perché non ben definito.

Ottimi invece gli gnocchetti di patate con i frutti di mare – vongole, cozze e ricci di mare -, e tre polveri: di cozze,  di limone libanese e, credo, di te.

Poi il riso in bianco, uno dei piatti più famosi di Parini: un’esperienza! A vedersi è un semplice risotto al parmigiano, ma in bocca è un’esplosione di sapori: l’acqua di cottura al pomodoro, il pizzicorino del pepe di Sichuan, la mantecatura…

Come secondo maialino con uva fragola. Io non apprezzo particolarmente la carne di maiale, ma questo piatto è gustoso, l’abbinamento con l’agro dolce dell’uva fragola azzeccato… insomma lo mangio tutto!

Il pre-dessert ci pulisce la bocca e ci rinfresca: gelato al limone e zenzero con crema di yogurt, rosmarino e biscotto.

Simpatico e intenso il dolce, servito all’interno di una mela, a base di cagliata, rum, basilico e mela.

Un Nebbiolo delle Langhe di Mascarello – 3 bottiglie del 2013 – ha accompagnato tutte le pietanze.

Al termine di una cena così non rimane che sperare che, dopo una parentesi di riposo e magari di nuove esperienze, Parini non decida di tornare nella sua Romagna, da settembre senz’altro più povera.

Un ‘in bocca al lupo’ a lui e al Povero diavolo.

Provato il 20/08/2016

Coperti 8

€ 800




Categoria
:)), 2016, Francesca, Recensioni, Ristoranti, Torriana
Tag
Osteria del Povero diavolo, Ristoranti stellati, Torriana
Nessun commento

Scrivi un commento