Cosa mangiare a Cracovia. Piatti, street food e bevande che non potete non assaggiare se andate a Cravovia
Andarmangiando Cibo, viaggi, racconti
17626
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-17626,ajax_updown,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,columns-4,qode-theme-ver-8.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Cosa mangiare a Cracovia

La cucina polacca è sostanziosa, ricca di carni e verdure – tra le quali spiccano i cavoli e la barbabietola -,  impreziosita da numerose commistioni e influenze con la cucina ebraica, russa, tedesca e non solo.

Solitamente, estate e inverno, si parte con una zuppa e poi si prosegue con un piatto principale. Benché io abbia indicato principalmente piatti a base di carne, non manca il pesce, anche di acqua dolce, come carpe, trote o anguille.

Street food:

  • zapiekanka: si tratta di una mezza baguette tagliata per il lungo e lasciata aperta. Originalmente farcita con formaggio e funghi e ‘decorata’ con ketchup, oggi è possibile trovarla a diversi gusti.
  • obwarzanek: sono ciambelle di pane tipiche di Cracovia.Hanno la forma di un anello e sono prima bollite e poi cotte al forno. La superficie è cosparsa di sesamo, sale grosso o semi di papavero. Le vendono per strada in appositi carrettini con i colori della città.

Al ristorante:

  • zurek: è una zuppa tipica della cucina polacca a base di segale, pancetta, cipolle funghi e panna acida (che le conferisce un caratteristico gusto acidulo). Spesso all’interno della zuppa si trovano uova e salsicce. Può essere servita all’interno di una forma di pane svuotata.
  • barszcz: ancora una volta si tratta di una zuppa. Potete trovarla indicata anche con il nome russo di borscht. In ogni caso si tratta di una minestra a base di barbabietole rosse e può essere servita con o senza ravioli ripieni ci carne o cavoli.
  • pierogi: sono ravioli e possono essere bolliti o cotti al forno. Hanno diversi ripieni: carne mista; cavoli e funghi; patate, cipolla e formaggio [ruskie]; spinaci, aglio e formaggio… e possono essere anche dolci con un ripieno di formaggio, crema e vaniglia.
  • bigos: è un piatto a base di diversi tipi di carne [manzo, cacciagione, maiale, salsicce, pancetta] cotti a lungo assieme ai crauti.
  • golabki: sono foglie di cavalo ripiene di carne di manzo, cipolla e riso, cotte al forno e servite con salsa di pomodoro.
  • placki ziemniaczane: le patate sono le regine della cucina polacca. Uno dei modi più diffusi per prepararle sono queste frittelle di patate grattugiate servite con panna acida.
  • surowka: insalata di cavolo e carote che troverete praticamente ovunque.
  • oscypki: è un formaggio di capra affumicato, simile a una scamorza, prodotto in forme oblunghe e caratterizzate da timbri e decorazioni sulla crosta. Spesso vine fatto alla griglia o al forno e servito con marmellata di mirtilli [zurawiny].
  • ogorki kiszone: se vi piacciono i cetrioli dovete assaggiare questa ricetta che li vede conservati in salamoia al profumo di aneto.

Passando alle bevande:

  • herbata: si tratta del te, molto diffuso in tutta la Polonia.
  • kawa: il caffè è spesso servito alla turca, ma è possibile trovare praticamente ovunque anche l’espresso.
  • piwo: la birra polacca, di norma chiara e non troppo alcolica, è buona. Potete scegliere tra la Zywiec, la Tyskie, la Lech…
  • wodka: è la bevanda polacca per eccellenza. Potete berla liscia o aromatizzata. In ogni caso va bevuta in un sorso solo!

Na zdrowie! Salute!




Categoria
Cracovia, Francesca, Polonia, Viaggi
Tag
Al ristorante, Mangiare in Polonia, Parliamo di cibo, Street food
Nessun commento

Scrivi un commento